XXXVIII Mostra del Presepe

La Mostra del Presepe è una rassegna nata nel 1980 che negli anni ha interpretato ed elaborato artisticamente il tema
della Natività, contribuendo alla definizione di stili e tipologie presepiali.

La rassegna fin dalla sua prima edizione ha voluto stimolare la ripresa dell’arte del presepe in ceramica tradizionale
cercando nel contempo di contribuire allo sviluppo di forme e tecniche contemporanee. È diventata un’occasione per
sperimentare il presepe d’arte come interpretazione materiale di concetti, riflessioni e sentimenti umani, attraverso il
simbolo iconografico della Natività, rappresentato e plasmato dagli artisti ceramisti in svariate forme, dal rispetto della
tradizione alla sperimentazione e innovazione tecnica e formale.

Tema della XXXVIII Mostra del Presepe 2017 è la grotta, intesa non solo come cavità naturale ma come luogo simbolo
di nascita e di accoglienza. Archetipo universale del grembo materno e simbolo di nascita e iniziazione nonché
caratteristica geomorfologica di una città che si sviluppa a partire da antichi insediamenti rupestri.
La varietà interpretativa delle opere è resa mediante molteplici tecniche, dalle quali emerge accanto alla radicata cultura
della terracotta dipinta e della terracotta invetriata, quella della maiolica policroma e della ceramica graffita, animata
dall’uso di lustri metallici. Un insieme compositivo dall’impronta moderna, aperto alle nuove sperimentazioni artistiche
e, allo stesso tempo, attento ai valori cristiani e mistici dell’evento.

La XXXVIII Mostra del presepe “In Grotta” annovera partecipanti provenienti da diverse regioni d’Italia: Campania,
Lazio, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana.

La grotta e la sua intensa portata simbolica sono anche il tema delle mostre di arte contemporanea che, contestualmente,
sono ospitate nell’Antico Convento dei Cappuccini di Grottaglie:
– “In Crypta”, collettiva curata da Francesco Paolo Del Re, comprende le opere di 12 artisti che mettono in scena,
attraverso sculture e installazioni, le declinazioni creative e contemporanee contenute nella simbologia sacra e nei valori
eterni che essa custodisce.
– “In Gravina”, il rupestre e la gravina ispirano la personale di pittura di Vincenzo Vacca, un artista caratterizzato
dall’essenzialità, dalla rappresentazione di quel che si cela dietro la materia, attraverso una ricca varietà cromatica.

Coordinate:
Grottaglie, Museo della Ceramica > Castello Episcopio
XXXVIII Mostra del Presepe
IN GROTTA
tutti i giorni 10.00 – 13.00 > 17.00 – 21.00
(venerdì, sabato e domenica 8.00-21.00)
Antico Convento dei Cappuccini
tutti i giorni 10.00 – 13 > 17.00 – 20.00
IN CRYPTA
Simbologia Sacra nella Scultura Contemporanea
a cura di Francesco Paolo DEL RE
IN GRAVINA
Personale di pittura di Vincenzo Vacca
Per informazioni:
Info Point Grottaglie – Castello Episcopio
800.545333 / 099.5623866 | infopoint@comune.grottaglie.ta.it
www.comune.grottaglie.ta.it

XXXVII Mostra del Presepe di Grottaglie

15304463_1166899120072204_916907465497626375_o

Vivi la Magia del Natale.
Un programma di eventi musicali e di intrattenimento arricchirà lo scenario della XXXVII Mostra del Presepe di Grottaglie. Si comincia domenica 11 dicembre con “Note d’argilla”. Suggestive performance d’autore sulle dolci note di violoncelli all’interno di una location d’eccezione, la “Bottega dormiente”, grande ambiente rupestre collocato nel Quartiere delle Ceramiche e risalente al XIII sec.
L’evento è ad ingresso gratuito. Si svolgerà in due turni, il primo alle 18:30 e il secondo alle 20.00, la bottega dormiente si trova in via Crispi 35, nel Quartiere delle Ceramiche.
L’evento organizzato dal Comune di Grottaglie rientra nel progetto della Regione #Inpuglia365 – WeAreinPuglia.
L’intrattenimento musicale è a cura di Armonie – Associazione Artistico, Culturale, Musicale, Culturale, Musicale, “Duo Ellipsis” – Violoncelli: Fabio de Leonardis e Tiziana Di Giuseppe; la dimostrazione al tornio al cura del Maestro Carmelo Vestita, la narrazione della leggenda “Ius Primae noctis” a cura dell’attore/regista Valerio Tambone; coordinamento e logistica dell’evento con la collaborazione di Sistema Museo e Associazione Turistica Pro Loco Grottaglie

XXXVI Mostra del Presepe

Natale si avvicina e Grottaglie, come da tradizione consolidata negli anni, è pronta ad accogliere il consueto ed apprezzato appuntamento del periodo natalizio. Torna anche quest’anno la Mostra del Presepe in ceramica, giunta ormai alla sua 36esima edizione. La rassegna espositiva, quale interpretazione del presepe tra tradizione ed innovazione, vede la partecipazione di artisti ceramisti provenienti da tutta Italia. L’attesa Mostra sarà inaugurata domenica 6 dicembre, alle ore 18.30, presso le sale superiori del Castello Episcopio.
La Mostra del Presepe, organizzata dal Comune di Grottaglie, è rivolta, in particolare, alla valorizzazione delle testimonianze storiche dell’arte presepiale. Nata nel 1980 come testimonianza dell’antica tradizione locale, ha attratto numerosi maestri di levatura nazionale ed internazionale, le cui opere sono oggi conservate presso la sezione dei presepi del Museo della Ceramica della città.
“Si rinnova il tradizionale appuntamento della Mostra del Presepe, diventato un tratto distintivo della peculiarità artistica e culturale della nostra città – sottolinea Ciro Alabrese, sindaco di Grottaglie – Ormai, quando si parla di Grottaglie, in Italia e non solo, vengono subito in mente l’Arte Ceramica e i Presepi; ed è per tale motivo che l’Amministrazione Comunale intende onorare nel miglior modo possibile questo importante appuntamento in grado di richiamare visitatori e cultori dell’arte presepiale da ogni parte”.
Nel corso delle ultime edizioni la Mostra si è caratterizzata per la rappresentazione artistica della Natività, attenta, allo stesso tempo, ai valori cristiani e mistici dell’Evento.
L’assessore alla cultura di Grottaglie, professoressa Maria Pia Ettorre: “I presepi in mostra nella trentaseiesima edizione della rassegna espositiva grottagliese offrono ai visitatori un luogo privilegiato di osservazione della evoluzione interpretativa, attraverso la creazione ceramica, del potente messaggio cristiano in una società inquieta e lacerata. La Natività modellata e rappresentata in modi e forme suggestive, invita a cercare e ritrovare la serenità smarrita”.
Sono 76 gli artisti partecipanti alla XXXVI rassegna del presepe provenienti dalla Puglia, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto.
Da Grottaglie: Domenico Arces, Paola Badella, Bottega Antonio Fasano, Bottega Vestita, Salvatore e Giuseppe Caraglia, Carpe Diem Ceramiche, Mariarosaria Caramia, Francesca De Felice, Cocci d’Autore, Benedetta Del Monaco, Vincenzo Del Monaco, Angelo Pio De Siati, Ciro Fasano, Annamaria Gerlone, Antonio La Grotta, Alessandro Lenti, Francesco Maggio, Antonio Monteforte, Giuseppe Patronelli, Francesco e Antonio Spagnulo, Massimiliano Quaranta, Giuseppe Russo, Paolo Santoro, Annibale Trani, Liceo Artistico Statale “V. Calò” (7 studenti); da Cisternino (Br) Giulio Marchioli; da Corato (Ba) IISS “Federico II Stupor Mundi” (6 studenti); da Laterza (Ta) IISS “G.B. Vico” (classe V^A); da Taranto Giuseppe Omma; da Triggiano (Ba) Angela Ferrara; da Castellammare di Stabia (Na) Genoveffa Di Maio; da Cava de’ Tirreni (Sa): Antonella Adinolfi, Fulvia Barbuto, Lucia Bisotti, Rita Cafaro, Gabriella Lamberti, Rega Francesca, Adriana Sgobba, Paola Taglè, Èlia Tamigi; da Pontecagnano (Sa) Anna Cascino; da Napoli Annie Rinauro; da Salerno:Antonietta Acciani, Rosa Autilio, Ilaria Di Giacomo, Miriam Gipponi, Biagio Landi, Anna Linguiti, Rosa Tipaldi; da Castel Bolognese (Ra) Gianfranco Budini; da Faenza Gianfranco Morini; da Udine Ariella Cherubini; da Stella (Sv) Gabriele Giacchino; da Castellamonte (To) Maria Teresa Rosa; da Torino Franca Baralis “Nandos”; da Nuoro Salvatore Marras; da Ragusa Alberto Criscione; da Arezzo Andrea Roggi; da Treviso Giovanni Lenti.
Nell’esposizione della XXXVI Mostra del Presepe sono inoltre presenti opere fuori concorso realizzate, con l’uso di materiali diversi dalla ceramica, da Ada Carrieri (pittura, Grottaglie), Michelangelo De Vincentis (foto pietra, Grottaglie), Francesco Gasparro (cartapesta, Bari) e Giuseppe Palmisano (cartapesta e vetro, Massafra).
Nell’esposizione della XXXVI Mostra del Presepe sono inoltre presenti opere fuori concorso realizzate, con l’uso di materiali diversi dalla ceramica, da Ada Carrieri (pittura, Grottaglie), Michelangelo De Vincentis (foto pietra, Grottaglie), Francesco Gasparro (cartapesta, Bari) e Giuseppe Palmisano (cartapesta e vetro, Massafra).
La 36esima Mostra del Presepe di Grottaglie è visitabile fino al 6 gennaio 2016 tutti i giorni ad ingresso libero, con i seguenti orari: 10.00 – 13.00 / 17.00 – 21.00.
Durante l’inaugurazione di domenica 6 dicembre 2015 avverrà la proclamazione del vincitore del Premio unico di 2.000 euro. La serata sarà allietata dalla degustazione di dolci tipici natalizi a cura dell’Associazione “Donne Creative” e dall’Associazione Musicale “Elohim Gospel Choir” che presenterà il concerto natalizio in programmazione per il 26 dicembre 2015 presso la Chiesa Madonna del Rosario di Grottaglie.
Nell’ambito della rassegna sarà allestita, nella sala degli stemmi del Castello Episcopio, una sezione speciale dedicata al tema mistico-iconografico “La Via dell’Angelo”, quale arricchimento iconografico e concettuale del tema presepistico. La mostra presenta le opere di artisti di fama nazionale ed internazionale (in ordine alfabetico): Enzo Angiuoni (Atripalda), Giuseppe Bonnacorso (Reggio Calabria), Maurizio Carnevali (Lamezia Terme), Luigi Casale (Brescia), Carmelo Conte (Latiano), Lamberto Correggiari (Milano), Vincenzo De Filippis (Grottaglie), Irina Hale (Russia), Antonio Iozzo (Cosenza), Massimiliano Marchese (Bologna), Rita Meo (Padova), Enrico Meo (Reggio Calabria), Oronzo Mastro (Grottaglie), Michele Pomes (Grottaglie), Giusto Sucato (Palermo), Vincenzo Vacca (Grottaglie), Daniel Zanca (Francia), Tonino Zurlo (Ostuni).
La mostra coordinata dal professore Enrico Meo si dispiega, attraverso il linguaggio della pittura e della scultura, in un complesso percorso artistico che aggrega codici espressivi decisi e nutriti nella sfera immaginaria, ispirato alla figura dell’angelo nella postmodernità.
Info e prenotazioni:
Ufficio IAT numero verde 800 545 333;
tel. 099 5623866
sportelloturistico@comune.grottaglie.ta.it